Dopo il servizio delle Iene………

Dopo il servizio di ieri delle Iene sugli stipendi di Dirigenti della cisl(ormai nota da tempo) vorrei spendere due minuti.
Da che mondo è mondo la politica,il sindacato,lo sport , aziende, oltre che le varie massonerie in Italia di qualsiasi natura hanno avuto,hanno ed avranno mele marce…..
però avevo già scritto non molto tempo fa che tantissimi delegati,operatori e dirigenti a tutti i livelli sono persone(per propria scelta) che svolgono il proprio ruolo onestamente,ne potrei elencare tantissimi,gente che non sta mai a casa con i propri familiari,gente che è sempre in prima linea con quei lavoratori che da anni affrontano licenziamenti,(chiusure di aziende che speculano su chi lavora onestamente),chi quotidianamente è nelle fabbriche a metterci la faccia e non solo.
Io stesso,accompagnato da migliaia di uomini di organizzazione hanno firmato una petizione a favore del reintegro di FAUSTO SCANDOLA(chi denuncia illeciti ha sempre ragione),ma già tanti mesi fa.
La fim,che è organizzazione di categoria all’interno della cisl già in tempi non sospetti pubblicò in rete le buste paghe di ogni dirigente,ad iniziare dal nostro leader Marco Bentivogli demandata a tutta la struttura territoriale.
Ho sempre espresso il mio dissenso verso chi usa il sindacato per proprie ragioni,ma ribadisco,tantissima gente lo fa perché c’è bisogno,perché non bisogna mollare alle aziende decisioni irrimediabili e perché in cuor nostro nasce il senso di lottare per le ingiustizie.
Fortunatamente la Fim (e sicuramente non solo) ha fatto anche scelte impopolari(non traumatiche)ma di allontanamento di chi poteva essere VICINO SOLO A SE STESSO,ma lo ha fatto senza pubblicità e nel rispetto di chi allora fu votato e di chi successivamente non ha rispettato.
Chiudo dicendo che non tutti i mali vengono per nuocere!!!!

Serafino Fabio RSA FIM-CISL Iveco Brescia

GIOCARE “socialmente” D’AZZARDO?

Il caso: il protocollo d’intesa tra Adiconsum (Cisl) e Unibet Group, multinazionale del gioco d’azzardo, venditrice di slot machine ha del clamoroso già per il suo titolo “Diventa un giocatore sociale”. (v. in allegato comunicato). E’ stata la rivista Vita.it a dare visibilità, il 25 gennaio, commentando con stupore (v.allegato) un accordo tanto inusuale. Che c’azzecca la Cisl? Che cosa c’entrano un’associazione a difesa dei consumatori, il sindacato Cisl che l’ha costituita e promossa, e una società di scommesse e casinò online con sede a Malta? Niente, direte. Eppure, questi soggetti hanno stretto un accordo che fin dal nome sembra una beffa: “Diventa giocatore sociale”. Miopia? Conflitto di interessi? “Giochi sociali” convergenti?

Per saperne di più vai alla fonte: